Calceranica al voto: indetta per il 7 Novembre una consultazione popolare sulla Riforma Istituzionale dei Comuni

In un momento che non è esagerato definire storico per gli enti locali, l’Amministrazione di Calceranica ha voluto compiere un passaggio altrettanto unico indicendo, per la prima volta nella storia recente del nostro paese, una consultazione popolare. La consultazione sarà finalizzata a valutare l’orientamento della popolazione rispetto al nuovo assetto gestionale ed amministrativo che il nostro comune dovrà assumere secondo uno di questi due scenari*: la gestione associata obbligatoria dei servizi comunali o la fusione tra comuni.

Il consiglio comunale, riunitosi in seduta straordinaria il 30 ottobre, ha rilevato la necessità e l’opportunità di consultare i cittadini al fine di ponderare le scelte dell’amministrazione comunale su questo tema importante e delicato. Recependo l’impulso della giunta comunale che con apposita delibera ha proposto al consiglio l’indizione di una consultazione ai sensi dell’art. 6 dello statuto comunale, il consiglio ha stabilito modalità e tempistiche della consultazione ed ha approvato il testo della scheda di votazione.

Ecco quindi che la popolazione di Calceranica verrà chiamata ad esprimere il proprio orientamento tra gestione associata dei servizi e fusione dei comuni nella consultazione popolare che si terrà SABATO 7 NOVEMBRE 2015, dalle 9:00 alle 20:00, presso la scuola elementare di Calceranica. Ricordiamo che, data l’importanza che la futura gestione avrà soprattutto sui giovani, la consultazione è aperta a tutti i residenti che abbiano 16 anni o più.

Siamo fortemente convinti che le scelte che l’amministrazione dovrà compiere, che pure in buona parte saranno indirizzate dai vincoli normativi imposti dalla Provincia, debbano essere suffragate dalla volontà popolare, specialmente su un tema come questo che mette in discussione entità storiche e sentimenti di appartenenza della nostra comunità. Per questo motivo invitiamo caldamente tutta la popolazione partecipare alla nuova serata informativa che si terrà il prossimo 5 novembre alle ore 20:30 presso il teatro parrocchiale, e a non perdere l’occasione di esprimere la propria opinione tramite la consultazione del 7 novembre.

Ribadiamo infine l’importanza del confronto diretto tra cittadini e amministratori: non esitate a chiederci informazioni ed a condividere le vostre impressioni. Le occasioni non mancheranno: ci troverete la mattina di sabato 31 in piazza, e durante la settimana prossima negli orari di ricevimento di Sindaco e Assessori e martedì sera allo sportello del cittadino presieduto dai consiglieri comunali. Cercheremo infatti di essere il più possibile presenti in paese da qui al giorno della consultazione, perché sappiamo che è importante costruire il nostro futuro… insieme a te!

FusioniComunali

* La gestione associata consiste nell’organizzare tutti i servizi comunali (segreteria, ufficio tecnico, tributi, anagrafe, ecc.) in forma unitaria, coinvolgendo tutti i comuni che, su suggerimento della Provincia, ricadono in uno stesso ambito territoriale (nel nostro caso, l’ambito che quasi certamente verrà individuato comprende Calceranica, Caldonazzo e Tenna). I comuni che passeranno a questa modalità gestionale, che è obbligatoria a partire dal 2016 a meno che non venga avviato un iter di fusione, dovranno gestire in forma associata i servizi ma manterranno la loro autonomia amministrativa.

La fusione dei comuni prevede la nascita di un unico ente che dovrà amministrare in forma unitaria (con un solo sindaco, una giunta ed un consiglio comunale) il territorio appartenente ai comuni originari. Di fatto, i comuni che si fondono perdono la propria autonomia amministrativa e diverranno “frazioni” del nuovo ente. La procedura di fusione deve essere avviata dalle amministrazioni dei comuni interessati e approvata dai cittadini tramite referendum decisionale. Sebbene tale procedura possa partire in qualsiasi momento, la Provincia ha stabilito che essa deroga dall’obbligo della gestione associata dei servizi qualora venga avviata entro il 10 Novembre 2015 con opportuno atto di indirizzo dei consigli comunali interessati (a cui dovrà seguire l’approvazione del protocollo di fusione vero e proprio presumibilmente entro fine 2015). La Provincia ha inoltre predisposto benefici ed incentivi finanziari per i comuni che intraprendono la strada della fusione.

Il comune di Calceranica al bivio tra gestioni associate e fusioni

La serata informativa su gestioni associate e fusioni dei comuni, organizzata il 22 Ottobre dall’amministrazione comunale, ha riscontrato una buona partecipazione di pubblico: circa un centinaio di persone, perlopiù di Calceranica, hanno affollato il teatro di Calceranica per reperire informazioni su un tema di grande importanza per le comunità trentine.

Come auspicato, la serata è stata molto partecipata, con numerose domande rivolte da amministratori, funzionari e cittadini al relatore Alessandro Ceschi, direttore del Consorzio dei Comuni trentini, che ha risposto puntualmente e con estrema chiarezza, aiutando a dissipare i dubbi su argomenti non semplici da trattare, perché delicati ed in continua evoluzione. La serata si è chiusa con l’intervento dei Sindaci di Calceranica, Caldonazzo e Tenna, i tre comuni che verranno coinvolti nel processo di gestione associata, che si intreccia con possibili scenari di fusioni tra gli stessi comuni.

L’amministrazione ha organizzato per l’occasione una consultazione informale con cui si è voluto sondare, tramite un quesito cartaceo restituito in forma anonima al termine della serata, l’orientamento dei presenti in merito ai due possibili scenari che si prospettano riguardo alla riforma istituzionale dei Comuni: in base ai dati raccolti, 28 persone hanno espresso la loro preferenza per la fusione dei comuni, mentre 30 persone hanno optato per la gestione associata di tutti i servizi comunali (2 le schede nulle).

Ricordiamo che la gestione associata dei servizi diverrà obbligatoria a partire dal 2016 qualora i comuni interessati non decidano di intraprendere un processo di fusione. Quest’ultimo dovrà avvenire tramite l’adozione di un opportuno provvedimento di indirizzo adottato dai consigli comunali entro il 10 novembre 2015, a cui dovrà seguire (presumibilmente entro fine anno) la deliberazione formale di richiesta di indizione di referendum tramite il quale i cittadini saranno poi chiamati a decidere l’approvazione del processo di fusione.

In considerazione di questi scenari e delle relative tempistiche, l’amministrazione comunale intende promuovere in tempi rapidi una consultazione popolare sulla riforma istituzionale dei comuni, in modo da dare fin da subito voce alla cittadinanza in merito a quale percorso debba essere intrapreso, qualora le circostanze lo permettano, per determinare il futuro assetto amministrativo del nostro territorio.

Invitiamo pertanto tutti i cittadini a mantenersi in contatto con l’amministrazione ed a partecipare ai momenti informativi che seguiranno a breve, così come alla consultazione i cui tempi e modalità verranno resi noti quanto prima.

IMG-20151023-WA0006 IMG-20151023-WA0005

Invito del Sindaco – serata informativa su gestioni associate di servizi e fusioni di comuni

Care concittadine, cari concittadini,

fra pochi mesi, a seguito della legge provinciale n. 3 del 2006, vi sarà l’obbligo per il comune di Calceranica di attuare la gestione di tutti i servizi comunali in forma associata con i comuni di Caldonazzo e Tenna, individuati dalla Provincia nella determinazione di opportuni ambiti associativi. Tale processo verrà meno solo nel caso in cui il nostro comune decidesse di avviare un percorso di fusione con i comuni limitrofi.

Come potrete capire, si tratta di passaggi molto importanti e delicati, che coinvolgeranno la vita quotidiana di tutti noi.

E’ necessario che tutta la popolazione possa ricevere ampia informazione su questi temi, in modo da potersi formare un’opinione che tenga conto di tutti gli aspetti connessi.
Inoltre, è intenzione dell’amministrazione recepire le idee ed i pensieri da parte di tutti i censiti, per poter comprendere le diverse sensibilità, da tenere in conto nel momento in cui si dovranno operare delle scelte.

A tale proposito, al fine di fornire elementi di valutazione ed indurre una riflessione su risvolti e conseguenze dei percorsi di gestione associata o fusione, l’amministrazione organizza per il giorno
GIOVEDì 22 OTTOBRE 2015, ad ore 20:30 presso il Teatro Comunale

una serata informativa. La serata ospiterà l’intervento di Alessandro Ceschi, direttore del Consorzio dei comuni trentini, che illustrerà la riforma e spiegherà cosa prevedono la gestione associata dei servizi e la fusione dei comuni, a seguito del quale vi sarà uno spazio di dibattito.

E’ inoltre intenzione dell’amministrazione effettuare, nelle prossime settimane, un sondaggio di opinione su questi temi.

Nella speranza di incontrarvi numerosi alla serata informativa, cordialmente saluto.

Il Sindaco
Cristian Uez

Calceranica Viva: Pagina Uno

Nell’attesa che il primo numero del nuovo notiziario comunale arrivi nelle case di tutti i nostri concittadini, anticipiamo l’articolo redatto dal gruppo di maggioranza dell’amministrazione. Auguriamo buona lettura, e invitiamo a darci riscontri, grazie!

 

CALCERANICA VIVA: PAGINA UNO

Siamo al nostro primo articolo ufficiale su questo rinnovato notiziario. C’è emozione, soddisfazione, ed anche un pizzico di sana confusione rispetto a tutto quello che abbiamo vissuto in questi primi mesi nella veste di gruppo maggioranza dell’amministrazione comunale. Senza lasciarci il tempo di realizzare appieno la portata di quanto è successo, le elezioni del 10 maggio scorso ci hanno catapultato in questa nuova avventura, in un contesto in larga parte sconosciuto per quasi tutti noi, ricco di stimoli ma anche di impegni non sempre semplici da affrontare. Sono tante, anzi tantissime, le cose con le quali ci siamo confrontati. Chiamiamola pure l’inizio di un’esperienza che per definizione si può vivere solo sul campo, nella complessità e nelle mille bellezze del quotidiano. Sarebbe bello raccontare tutto, per filo e per segno, tutto quello che ci siamo detti ripromessi e attivati per fare ed affrontare. Qui, per ovvi motivi di spazio, cercheremo di offrirne almeno una parte, cercando per quanto possibile di riferirci al programma elettorale con cui abbiamo chiesto la vostra fiducia.

Cercando di perseguire fin dai primi passi l’approccio di apertura, dialogo e trasparenza che ci eravamo ripromessi, abbiamo istituito celermente lo “Sportello del Cittadino” quale spazio di ascolto e confronto tra i cittadini ed i consiglieri di maggioranza; pur avendo avuto poco riscontro, riteniamo questo strumento importante e continueremo a proporlo con cadenza settimanale. Anche il nostro Sindaco ha iniziato la sua nuova avventura al servizio della comunità organizzandosi in modo da poter stare il più possibile in paese e nella casa comunale. Già innumerevoli sono stati gli incontri con i singoli cittadini ed i tavoli di discussione aperti con i rappresentanti di enti ed associazioni, finalizzati a ricevere consigli o ad affrontare problematiche aperte e tematiche spinose: stiamo lavorando con impegno su più fronti, consapevoli di non avere la bacchetta magica ma convinti che solo con il dialogo e il coinvolgimento attivo si può sbloccare una situazione critica o risolvere un problema appena sorto.

Per quanto riguarda la comunicazione, abbiamo attivato fin da subito numerosi canali per divulgare il nostro operato e ricevere feedback in merito: il giornalino che avete tra le mani rimarrà un caposaldo in questo senso, ed è accompagnato da strumenti tradizionali quali la comunicazione cartacea sulle bacheche e nei locali pubblici, nonché da nuovi strumenti informatici quali il blog “Vivicalceranica” e la pagina facebook di Calceranica Viva. Tra le altre cose, il blog del gruppo di maggioranza ha ospitato anche il primo esperimento di consultazione on-line mai svolto a Calceranica: il dibattito sull’accesso ai cani nelle aree verdi in paese e sul lungolago. I risultati della consultazione, molto incoraggianti in termini di partecipazione e discussione, ci hanno fornito utili indicazioni per intervenire nel merito della questione come promesso nel nostro programma elettorale. Nell’invitarvi a seguirci tramite tutti questi mezzi, ricordiamo che in autunno vedrà la luce anche il nuovo sito web del comune, che verrà ospitato in una piattaforma più avanzata predisposta tramite un servizio apposito del Consorzio dei Comuni Trentini, e sarà ricco di contenuti multimediali e spazi aperti alle associazioni ed alle diverse realtà.

Uno dei nostri intenti principali è quello di rivalutare il patrimonio sociale, culturale ed artistico di Calceranica, passando innanzitutto attraverso iniziative ed interventi mirati a rivitalizzare il nostro centro storico. Un obbiettivo sicuramente ambizioso, non semplice da perseguire dopo tanti anni di declino ed in tempi di ristrettezze economiche, ma che ci siamo sforzati di inseguire favorendo semplici ma importanti iniziative sul breve periodo, ed al tempo stesso allargando la visione verso interventi strutturali più importanti. Pur agendo nei limiti del possibile (temporale ed economico), possiamo dire di essere riusciti nell’intento di rianimare almeno per il periodo estivo il centro del paese, ad esempio favorendo il ritorno della sagra patronale nella Piazza del Municipio e stimolando numerose iniziative di contorno, nonché organizzando assieme al gruppo di minoranza la “Festa di Mezza Estate”, evento musicale e gastronomico che ha permesso di raccogliere fondi poi destinati ad altre iniziative culturali e turistiche. Un’altra iniziativa di stimolo a visitare il nostro territorio partendo dal paese e dai suoi tesori artistici e naturalistici è stata la realizzazione della cartina “Camminare a Calceranica”, che riporta una mappa e le indicazioni per percorrere alcuni sentieri che sono stati appropriatamente ripuliti e tracciati.

Nel ribadire il ruolo importante svolto dall’amministrazione riguardo a queste iniziative, rimane la consapevolezza che il vero traino per una rivitalizzazione della comunità è la comunità stessa. Il nostro impegno resterà comunque quello di cercare le connessioni tra i diversi patrimoni che la comunità già possiede, anche sfruttando le potenzialità spesso non adeguatamente valorizzate di molti nostri concittadini. Ad esempio, si è proposta in via sperimentale una serata di visite guidate presso le chiese e, ad oggi, si stanno attivando ulteriori canali, quali ad esempio il supporto del FAI, per rendere strutturali ”esperimenti” come questo. Abbiamo inoltre avviato la procedura di accreditamento presso la PAT per offrire l’opportunità di servizio civile sul territorio comunale ai nostri giovani. Giovani ricchi di idee ed entusiasmo, che cercheremo nel futuro immediato di coinvolgere anche nella gestione del patrimonio naturale e storico rappresentato dal nostro parco Minerario.

Riguardo agli obbiettivi “più alti”, che magari possono spaventare maggiormente, possiamo sicuramente affermare di non essere rimasti con le mani in mano. Importanti contatti sono stati presi a diversi livelli per capire la situazione e studiare i possibili sviluppi futuri riguardo al recupero di alcuni edifici strategici quali lo stabile ex cooperativa, l’Albergo al Lago e la vecchia stazione. Si tratta certamente di partite delicate e non esclusivamente sotto il nostro controllo, ma che verranno giocate favorendo un confronto fra tutti gli attori e garantendo massimo impegno affinché si trovino le soluzioni migliori. Ci stiamo inoltre adoperando per sbloccare l’importante finanziamento del progetto spiagge, che ci permetterà di migliorare la fruibilità del nostro lago su entrambe le sponde del Mandola, mantenendo anche un occhio vigile riguardo al completamento della pista ciclabile. Altro intervento importante, progettato dalla precedente Amministrazione, è quello dei lavori di miglioramento dell’acquedotto comunale, che verranno effettuati nel 2016 con il rifacimento delle due vasche e la realizzazione del loro collegamento; questi importanti lavori permetteranno di mantenere gli alti livelli di qualità delle nostre acque e di prevenire carenze idriche nei mesi estivi.

Un capitolo a parte merita il rapporto con il gruppo di minoranza. Dopo le inevitabili tensioni pre- e post-elettorali, ci siamo adoperati per favorire quel clima di distensione che può permettere di valorizzare appieno il capitale umano presente nei due schieramenti, sfruttandolo per il bene del paese. La nascita del comitato “Calceranica Viva nel Cuore” composto da membri di entrambi i gruppi consiliari, che ha organizzato e gestito autonomamente la riuscitissima Festa di Mezza estate ed alcuni eventi successivi, è la dimostrazione, finora unica in Trentino e forse anche fuori regione, che una sana collaborazione può portare efficacemente al raggiungimento di specifici obbiettivi comuni. Il tutto, ovviamente, nel rispetto dei ruoli e delle differenze di opinione o di impostazione che ci sono e continueranno ad esserci: siamo stati eletti con liste e programmi diversi, e per accorgersi di queste differenze basta partecipare ai consigli comunali dove ci confrontiamo a suon di mozioni e interrogazioni.

In tutto questo susseguirsi di impegni e novità, la cosa che ci fa più piacere è l’aver avuto il privilegio di conoscere tante persone e altrettante espressioni e sensibilità che ci rendono sorpresi ed orgogliosi di questo nostro bel paese. Un paese ricco di potenzialità forse troppo a lungo sopite, che con impegno e tenacia vogliamo far riemergere e valorizzare. Nello stesso tempo, abbiamo maturato anche delle consapevolezze rispetto all’essere amministratori comunali, e proprio per questo ringraziamo tutti quelli che ci hanno preceduto, certi del fatto che anche loro si sono spesi tanto per Calceranica. Al di là del guado ci vuole cuore, coraggio e anche tanta generosità. Noi ce la stiamo mettendo tutta, cercando giorno per giorno di fare del nostro meglio…insieme a te!

CalceViva_small

Ingresso del nuovo parroco a Calceranica

Domenica 11 ottobre sarà un giorno molto importante per Calceranica, che potrà infatti celebrare l’entrata di un nuovo sacerdote nella nostra comunità. Si tratta di Don Ernesto Ferretti, Decano e già parroco di Levico Terme e Selva, che verrà presentato in occasione della S. Messa delle 19.30 presieduta al Vicario generale mons. Lauro Tisi. Con l’arrivo di Don Ernesto la nostra comunità ritroverà il supporto di una guida spirituale di cui si avverte la mancanza dopo che il suo predecessore Don Paolo, che tutti ricordano con sincera stima e profondo affetto, ha dovuto purtroppo lasciare l’incarico per motivi di salute.

Nel porgere i migliori auguri di benvenuto al nuovo Sacerdote, invitiamo caldamente tutta la comunità a salutarlo partecipando alla S. Messa che introdurrà il suo insediamento.

NuovoParroco

Proteggiamo ciò che amiamo insieme al FAI

Una delle problematiche che ci ha fin da subito interessati è stata la valorizzazione dei nostri siti storici e artistici, dei quali fanno parte anche le nostre chiese più antiche, la Pieve e S.Ermete.

Le casse comunali non permettono grandi interventi di mantenimento su questi siti e perciò stiamo cercando delle modalità alternative per raccogliere forze a sostentamento di questi preziosi luoghi. Una delle prime idee che ci è venuta è stata quella di iniziare a porre l’attenzione sull’importanza e il valore di questi nostri tesori coinvolgendo enti di livello nazionale.Pieve_Bogole

Con questo scopo  abbiamo contattato la delegazione trentina del FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano) che si è subito resa disponibile ad avviare alcuni piccoli progetti. Grazie ad Anna Moratelli (referente del FAI per la zona della Valsugana) e Silvia Marchesoni Schmid, già a partire da questo autunno partiranno due iniziative che coinvolgeranno il nostro paese: la prima è un pomeriggio di visita alle chiese della Pieve e di S.Ermete sabato 3 ottobre, alla quale saranno invitati anche i soci del FAI da tutto il Trentino; la seconda è un percorso pensato appositamente per le scuole. Si tratta delle “Mattinate FAI”, organizzate dall’ente in tutta Italia con il motto “Si protegge ciò che si ama, si ama ciò che si conosce”.  Lo scopo è quello di far conoscere la storia dell’arte del territorio con dei percorsi nelle classi della nostra scuola al termine delle quali i ragazzi potranno fare da ciceroni durante una visita aperta a tutti.

Un’occasione importante di crescita e riconoscimento per la nostra popolazione e per il nostro paese.
Vi inviatiamo quindi a partecipare a questi primi incontri e a segnalarci progetti che vadano in questa direzione.

 

Di seguito i link ai siti che presentano i progetti che sono stati avviati insieme al FAI a Calceranica:

http://faiscuola.fondoambiente.it/mattinate-fai-per-le-scuole.asp

https://www.facebook.com/FAI-Delegazione-di-Trento-174028816091569/timeline/

 

Il bosco di castagni di Calceranica è ora pulito

Vorremmo segnalare che in questi primi giorni d’autunno gli operai del Progettone del Servizio per il Sostegno occupazione e la valorizzazione ambientale della PAT, stanno pulendo il bosco di castagni sopra il Parco delle Giarelle, di proprietà comunale.
E’ un appezzamento di terra peraltro limitato, dove ci sono alcune vecchie piante i cui frutti sono a disposizione della comunità.
Gli operai sono persone provenienti dalle liste di mobilità, con più di 51 anni per gli uomini e più di 46 anni per le donne.
La pulizia che hanno fatto è veramente notevole, e ricorda come era tenuto il bosco quando questo era parte del sostentamento delle famiglie, cioè ben curato e di agevole passaggio.castagne