Calceranica al voto: indetta per il 7 Novembre una consultazione popolare sulla Riforma Istituzionale dei Comuni

In un momento che non è esagerato definire storico per gli enti locali, l’Amministrazione di Calceranica ha voluto compiere un passaggio altrettanto unico indicendo, per la prima volta nella storia recente del nostro paese, una consultazione popolare. La consultazione sarà finalizzata a valutare l’orientamento della popolazione rispetto al nuovo assetto gestionale ed amministrativo che il nostro comune dovrà assumere secondo uno di questi due scenari*: la gestione associata obbligatoria dei servizi comunali o la fusione tra comuni.

Il consiglio comunale, riunitosi in seduta straordinaria il 30 ottobre, ha rilevato la necessità e l’opportunità di consultare i cittadini al fine di ponderare le scelte dell’amministrazione comunale su questo tema importante e delicato. Recependo l’impulso della giunta comunale che con apposita delibera ha proposto al consiglio l’indizione di una consultazione ai sensi dell’art. 6 dello statuto comunale, il consiglio ha stabilito modalità e tempistiche della consultazione ed ha approvato il testo della scheda di votazione.

Ecco quindi che la popolazione di Calceranica verrà chiamata ad esprimere il proprio orientamento tra gestione associata dei servizi e fusione dei comuni nella consultazione popolare che si terrà SABATO 7 NOVEMBRE 2015, dalle 9:00 alle 20:00, presso la scuola elementare di Calceranica. Ricordiamo che, data l’importanza che la futura gestione avrà soprattutto sui giovani, la consultazione è aperta a tutti i residenti che abbiano 16 anni o più.

Siamo fortemente convinti che le scelte che l’amministrazione dovrà compiere, che pure in buona parte saranno indirizzate dai vincoli normativi imposti dalla Provincia, debbano essere suffragate dalla volontà popolare, specialmente su un tema come questo che mette in discussione entità storiche e sentimenti di appartenenza della nostra comunità. Per questo motivo invitiamo caldamente tutta la popolazione partecipare alla nuova serata informativa che si terrà il prossimo 5 novembre alle ore 20:30 presso il teatro parrocchiale, e a non perdere l’occasione di esprimere la propria opinione tramite la consultazione del 7 novembre.

Ribadiamo infine l’importanza del confronto diretto tra cittadini e amministratori: non esitate a chiederci informazioni ed a condividere le vostre impressioni. Le occasioni non mancheranno: ci troverete la mattina di sabato 31 in piazza, e durante la settimana prossima negli orari di ricevimento di Sindaco e Assessori e martedì sera allo sportello del cittadino presieduto dai consiglieri comunali. Cercheremo infatti di essere il più possibile presenti in paese da qui al giorno della consultazione, perché sappiamo che è importante costruire il nostro futuro… insieme a te!

FusioniComunali

* La gestione associata consiste nell’organizzare tutti i servizi comunali (segreteria, ufficio tecnico, tributi, anagrafe, ecc.) in forma unitaria, coinvolgendo tutti i comuni che, su suggerimento della Provincia, ricadono in uno stesso ambito territoriale (nel nostro caso, l’ambito che quasi certamente verrà individuato comprende Calceranica, Caldonazzo e Tenna). I comuni che passeranno a questa modalità gestionale, che è obbligatoria a partire dal 2016 a meno che non venga avviato un iter di fusione, dovranno gestire in forma associata i servizi ma manterranno la loro autonomia amministrativa.

La fusione dei comuni prevede la nascita di un unico ente che dovrà amministrare in forma unitaria (con un solo sindaco, una giunta ed un consiglio comunale) il territorio appartenente ai comuni originari. Di fatto, i comuni che si fondono perdono la propria autonomia amministrativa e diverranno “frazioni” del nuovo ente. La procedura di fusione deve essere avviata dalle amministrazioni dei comuni interessati e approvata dai cittadini tramite referendum decisionale. Sebbene tale procedura possa partire in qualsiasi momento, la Provincia ha stabilito che essa deroga dall’obbligo della gestione associata dei servizi qualora venga avviata entro il 10 Novembre 2015 con opportuno atto di indirizzo dei consigli comunali interessati (a cui dovrà seguire l’approvazione del protocollo di fusione vero e proprio presumibilmente entro fine 2015). La Provincia ha inoltre predisposto benefici ed incentivi finanziari per i comuni che intraprendono la strada della fusione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...