Gli Auguri dal Gruppo di Maggioranza !

Eccoci a concludere questo ricco 2017..

E’ stato un anno complesso e importante insieme.

Sperimentazioni, cambiamenti, avvenimenti avversi, inizi, precarietà, progetti, percorsi virtuosi ed i primi frutti di tante fatiche si sono mescolati nella vita di questa amministrazione e dei suoi amministratori.

E come si fa quando si ama, abbiamo cercato di coltivare e prenderci cura dei diversi pezzi dell’anima di questo territorio, inaspettati in alcuni casi, migliorabili in altri ma sempre splendidamente calceranicensi. Non senza errore, non senza rischio e non, talvolta, senza quel filo di timore che è figlio di un semplice e profondo rispetto.

Abbiamo messo tutto il possibile e tutto il possibile sarà anche per il prossimo anno, nell’autenticità di quello che siamo come persone e nello spirito del ruolo che siamo chiamati a svolgere.

Ci aspettano delle sfide importantissime. Le affronteremo con il massimo della passione e del servizio: sereni, resilienti, semplici e orientati al bene comune.

E vi aspettiamo con tutto quello che vorrete portare, dire, criticare e aggiustare perché Calceranica è Viva solo insieme a Te e Voi.

A Tutti i Cittadini un Augurio di cuore per le feste e per l’anno venturo, che per ognuno di Voi possa essere spazio e tempo del cammino migliore di sempre!

Con affetto,

Il Gruppo di Calceranica Viva

 

 

Annunci

Attenzione!!! Sta per arrivare Babbo Natale!

Grazie a tutti gli aiutanti presenti sul territorio arriverà in grande stile anche quest’anno Babbo Natale a Calceranica al Lago!

Scout CNGEI, Dragon Boat, Vigili del Fuoco e associazioni paesane con il supporto di Coster S.p.A. , Famiglia Cooperativa Alta Valsugana e l’Amministrazione Comunale vi invitano in Piazza dalle ore 16:00, per una bevanda calda ed una fetta di panettone.

Dalle 17:30, dopo le fontane luminose alla Pieve, babbo Natale con pastori e bambini raggiungerà la piazza con un pensierino per tutti.

Tenetevi pronti grandi e piccini!!!

 

 

 

Contest di Giornalismo Partecipativo – I Vincitori

Si è concluso con la premiazione di mercoledì sera l’interessante percorso di Giornalismo Partecipativo promosso da Tempora Onlus che ha visto la partecipazione di 120 giovani tra i 18 ed i 35 anni.

La nostra amministrazione ringrazia Tempora Onlus e tutti i partner del progetto ! Innovativo e senz’altro significativo l’incontro tra passione, competenza e cittadinanza attiva!

Ecco i vincitori! #PremiazioneContestGiornalismopartecipativo

1° Premio: Irene Allegranti
2° Premio: Alessandra Bonanno
3° Premio: Alice Leonardi
4° Premio: Elisa Decet
5° Premio: Lisa Orler
6° Premio: Giulio Thiella

Complimenti a loro ed a tutti i partecipanti!

A questo link il video della serata

A Imer si è parlato di OSPITALITA’ DIFFUSA

Successo di pubblico e testimonianze significative martedì 19 dicembre a Imer, in occasione del seminario promosso dal GAL Trentino Orientale sul tema dell’ospitalità diffusa.

A introdurre i lavori Roberto Pradei, Presidente della Comunità di Valle di Primiero e Sergio Scalet, Presidente del Consorzio BIM del Brenta, che ha sottolineato l’importanza di non lasciare nel cassetto le buone idee. Il direttore del GAL Trentino Orientale Marco Bassetto ha dato il via alla serata con la presentazione di 5 esperienze: due nel vicino bellunese, una in Val di Cembra, una in Primiero e una a Calceranica al Lago. A inquadrare il tema dell’ospitalità diffusa è stato presentato anche lo Studio di fattibilità preliminare “Sistema Alberghi Rurali – Bim Brenta”.

SISTEMA ALBERGHI RURALI – BIM BRENTA

Lo studio di fattibilità è stato presentato da Luca Lietti, di Agenda 21 Consulting. Si tratta di una ricerca che aveva l’obiettivo di fornire elementi utili a valutare l’opportunità di sostenere l’avvio di progetti pilota di ospitalità diffusa, sotto forma di start-up di impresa turistica, sul territorio del BIM del Brenta. Uno studio comparato che ha messo in evidenza potenzialità e criticità delle esperienze in corso nell’arco alpino, in un’ottica di sostenibilità nel lungo periodo. La mappatura ha riguardato l’individuazione di un inventario di hot spot turistici che caratterizzano il territorio in termini di attrattività turistica e capitale territoriale necessario allo sviluppo dell’offerta di turismo rurale. Alla luce delle esperienze mappate nell’area alpina centro orientale sono emerse buone pratiche di ospitalità diffusa e la definizione di indicatori che ne descrivono le caratteristiche specifiche. Lietti ha messo in evidenza specificità, punti di forza e di debolezza dei modelli avviati, tra cui Vacanze in Baita, l’Albergo Rurale e il Paese Albergo.

L’ALBERGO DIFFUSO DI FALLER, NEL BELLUNESE

Guido Trento ha poi presentato l’esperienza dell’Albergo Diffuso Faller, nel comune bellunese di Sovramonte, paese della mela prussiana. Tre gli elementi fondamentali per la riuscita dell’esperienza: un brand, un paese con peculiarità da valorizzare e persone che credono nell’iniziativa. Rilevante la caratteristica del fare comunità anche nella cura dei beni comuni. Nello specifico l’albergo diffuso è stato creato come una struttura ricettiva, composta da più alloggi indipendenti, situata nel centro del paese, con un’unica reception. L’organizzazione dell’albergo diffuso ha permesso di garantire servizi di qualità di tipo alberghiero aderendo anche al progetto della “carta qualità” del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.

http://www.albergodiffusofaller.it

I BORGHI DELLA SCHIARA A BOLZANO BELLUNESE

Sull’esperienza di ospitalità diffusa “I Borghi della Schiara” di Bolzano Bellunese, Andrea Zinato ha messo in evidenza opportunità e limiti legati all’impianto normativo sugli “alberghi diffusi” della Regione Veneto, mentre Danilo Zanon, proprietario di una casa e aderente al progetto, ha sottolineato il senso e il valore dell’accoglienza come esperienza autentica.

http://iborghidellaschiara.it/

VIVIGRUMES E LE INIZIATIVE DEL COMUNE DI ALTAVALLE

Dal Comune di Altavalle, in Val di Cembra, la Vice Sindaco Vera Rossi ha presentato il percorso ViviGrumes gestito da una società a maggioranza pubblica (51%), che vede il 49% delle azioni in mano agli stessi cittadini. La relatrice ha illustrato i passaggi di questo prezioso percorso di valorizzazione del territorio, nato nel 2001 con la partecipazione ad un bando nazionale. ViviGrumes offre un’esperienza di turismo sostenibile per vivere la montagna a passo lento. Dopo la fusione dei comuni, in questa fase ViviGrumes sta sperimentando un’offerta di ospitalità diffusa che coinvolge i proprietari di seconde case.

http://www.vivigrumes.it/

IL PROGETTO TRACCE, IN PRIMIERO

Il progetto “Tracce” di Primiero è stato presentato da Andrea Simon e Giacomo Longo, dello Studio Mimeus, come una proposta ricettiva legata alla struttura dei masi sparsi sul territorio. La vacanza esperienziale ipotizzata fa leva sulla mobilità tra montagna e fondovalle, ed è calibrata sull’interesse dei visitatori.

OSPITALITA’ DIFFUSA A CALCERANICA AL LAGO

L’esperienza di ospitalità diffusa a Calceranica al Lago è stata presentata dalla vice sindaco Cinzia Tartarotti che ne ha sottolineato le premesse principali: un rilevante patrimonio immobiliare sottoutilizzato e una consolidata vocazione turistica del territorio. Il valore che si intende creare è naturalmente connesso all’attivazione di reciproche prossimità all’interno della comunità, in termini di competenze, opportunità e cura del bene comune. I consulenti di CBS, Francesco Gabbi e Sara Carneri, hanno raccontato il modello messo a punto a Calceranica evidenziandone l’impronta operativa. Un modello che fa leva sull’interesse reciproco e sulla capacità imprenditoriale: da un lato i proprietari di seconde case possono valorizzare i loro immobili, supportati da una struttura che li aiuta nella fase di avvio – con un sopralluogo per valutare eventuali interventi di manutenzione che possono essere sostenuti dalla Cassa Rurale Alta Valsugana – fino alla messa online degli appartamenti sui portali di offerta turistica e alla definizione del servizio di gestione dell’ospitalità (gestione portale, cambio biancheria, accoglienza degli ospiti). Dall’altro il paese stesso di Calceranica al Lago potrà beneficiare del circuito virtuoso di un turismo diffuso e di interventi di manutenzione degli immobili che aumentano la qualità dell’abitare.

A questo link alcuni  dettagli dell’iniziativa Ospitalità Diffusa a Calceranica al Lago: https://vivicalceranica.wordpress.com/2017/12/06/ospitalita-diffusa-raccogliamo-le-adesioni/

I materiali dell’incontro :

https://www.galtrentinorientale.it/online-i-materiali-dell-incontro-sull-ospitalit%C3%A0-diffusa/53-29/

 

Ospitalità Diffusa. Entra a far parte del Progetto!

C’è tempo fino al 20 gennaio 2018 per aderire al progetto!

Sono iniziati i sopralluoghi e l’iniziativa sta raccogliendo tanti interessamenti.

Chi ha una casa vuota a Calceranica al Lago e desidera affittarla online – anche per brevi periodi, non solo d’estate – può mettersi in contatto con CBS (scrivere a calceranica@cbs.tn.it o chiamare il 342 6818317).

A questo link alcuni  dettagli dell’iniziativa: https://vivicalceranica.wordpress.com/2017/12/06/ospitalita-diffusa-raccogliamo-le-adesioni/

 

 

 

Posti liberi sull’Albero in Piazza

Segnaliamo questa importante comunicazione giunta dalla Scuola Primaria di Calceranica al Lago.

E che gli Auguri abbiano inizio!!!!

Gli alberi di Natale a Scuola

Quest’anno abbiamo preparato un angolino natalizio all’entrata della scuola. Abbiamo messo due piccoli alberelli di Natale e li abbiamo decorati con alcuni bigliettini in cartoncino decorati da noi. In ogni classe abbiamo usate tecniche diverse per le decorazioni e i disegni. Abbiamo scritto quello che ci sembrava più importante. Qualcuno ha fatto gli auguri a chi voleva bene, altri ci hanno scritto dei desideri. In qualche biglietto c’era una bella frase, tipo una poesia. Noi di bigliettini però ne avevamo fatti proprio tanti e tutti non ci stavano sui nostri alberelli. Così abbiamo deciso di mettercene qualcuno anche sul grande albero che c’è in piazza. Poco importa se l’acqua li rovina un po’. È passato un signore che si è messo a leggerli. Che peccato non avere un bigliettino vuoto per lui! Forse avrebbe potuto scriverci sopra un piccolo augurio, magari un sogno o un piccolo desiderio. Allora ci è venuta una grande idea: i bigliettini che ci sono rimasti li metteremo in un cestino, sotto l’albero.

Tutte le persone che vorranno scrivere un augurio, un pensiero, una poesia, un desiderio o magari un piccolo sogno lo potranno fare…proprio come noi.

Allora sarà proprio un bellissimo albero di Natale.

I bambini della Scuola Primaria di Calceranica.