IdeAzione – BANDO PIANO GIOVANI ZONA LAGHI VALSUGANA ANNO 2019.

Aperto il bando per la presentazione dei progetti nell’ambito delle Politiche Giovanili del territorio!

http://www.comunita.altavalsugana.tn.it/Aree-Tematiche/Socio-Assistenziale/Eventi-e-News/BANDO-PIANO-GIOVANI-ZONA-LAGHI-VALSUGANA-ANNO-2019

Il Piano Giovani è uno strumento per promuovere e valorizzare le iniziative a favore dei giovani nella fascia d’età 11-35 anni.

Dal 2019 il Tavolo si è dotato di un documento denominato Piano Strategico Giovani (PSG) che definisce le strategie territoriali, pianifica le priorità di intervento, gli obiettivi da raggiungere e definisce il budget sulla base del quale verranno selezionati e finanziati i progetti proposti. Il PSG, dopo un percorso partecipativo che ha coinvolto diverse realtà del territorio (dei tradizionali 4 Comuni partecipanti), definisce i temi prioritari per l’anno 2019:
• comunicazione, migliorare la comunicazione con il territorio,
• coinvolgimento e partecipazione, dei giovani ai processi decisionali, promuovendo
attività che contribuiscano a creare un circuito virtuoso tra i giovani e gli adulti
• aggregazione, stimolare l’aggregazione giovanile ed in generale delle comunità
• esperienze forti, proposte progettuali che diano la possibilità ai giovani di mettersi
in gioco in esperienze di vita significative per allargare il proprio orizzonte di conoscenze e di consapevolezze
• promuovere progetti che approfondiscano la tematica del bullismo e del cyberbullismo

Per quanto riguarda il bando 2019 , possono presentare progetti:
• associazioni, cooperative sociali, Istituti scolastici, organizzazioni non lucrative di
utilità sociale, Enti pubblici, parrocchie, fondazioni ed enti senza fini di lucro;
• gruppi informali di giovani e/o adulti costituitisi allo scopo (che dovranno tuttavia
far riferimento a un’associazione o ad altro soggetto con personalità giuridica).

Le schede potranno essere consegnate con due modalità:
• invio alla mail pianogiovanilaghi@comunita.altavalsugana.tn.it;
• consegna a mano all’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) della Comunità Alta Valsugana e Bersntol, Piazza Gavazzi n. 4 Pergine Valsugana
-da lunedì a venerdì ore 8.00 – 12.00, il giovedì ore 14.30 – 16.30
entro e non oltre le ore 12.00 di venerdì 8 marzo 2019

Prima dell’invio ufficiale della scheda progetto, si consiglia di contattare il Referente tecnico organizzativo Silvia Bisello, per avere un confronto sul progetto

silvia.bisello@comunita.altavalsugana.tn.it
tel. 0461.519622 • cell. 328.6549009

Se avete una buona idea o semplicemente sentite il desiderio di mettervi in gioco, non perdere l’opportunità!

BANDO-PIANO-GIOVANI-ZONA-LAGHI-VALSUGANA-ANNO-2019_medium

 

Annunci

Laboratori per genitori e figli

In vista dei mesi festosi, partono i laboratori dedicati alle famiglie presso il Centro Diurno di APPM Onlus, a Levico Terme.

Mostri di Hallowen, Decorazioni in legno per la casa, Prepariamo la tavola e menù di Natale.

Per info, 0461/707466 – 345/7900488 – levico@appm.it

IMG_20181006_171508

RestART. Grazie ragazzi!

Si è svolto la scorsa settimana l’evento organizzato dai nostri giovani concittadini RestART.

Musica, cibo, libri, colori e persone. Un parco che sta uscendo dal suo anonimato ed un coraggioso gruppo di giovani che ha portato a termine un progetto a favore della comunità. Promotori e protagonisti i ragazzi del nascente gruppo giovanile, che con i loro 16-20 anni ci hanno dato una grande lezione di partecipazione. Diverse le attività proposte e ben integrate in un piccolo scenario “campestre” baciato dal sole.

Nel percorso di questi mesi con il CAG -APPM Onlus e la nostra Amministrazione, i giovani non hanno mollato di un cm, seppur nelle consuete difficoltà di stare ad un tavolo e nella, talvolta, frustrante incognita del possibile riscontro al loro fare. Ci sarà gente? Pioverà? Saranno tutti soddisfatti? Abbiamo pensato a tutto?

E’ stata una giornata magica..

Tutto sotto controllo, ruoli ben definiti e voglia di esserci. I ragazzi hanno gestito l’evento in modo esemplare e solo questo sarebbe degno di nota. Ma la cosa che più ci piace sottolineare è l’impegno che hanno saputo onorare fino all’ultimo . La manifestazione è stata solo una delle tappe del loro percorso, diventandone in qualche modo l’ultimo frutto esplicito.

Ci hanno messo la faccia e si sono tirati su le maniche, con le loro competenze-intelligenze e qualità di persone, pronti ad un flusso ignoto-sperato-immaginato-vulnerabile..

Quello spazio, sabato si è fatto luogo, di relazioni e crescita. Grazie a loro.

Nel privilegio di aver supportato questa meravigliosa onda, tra le note ed i colori che rimbalzavano da una parte all’altra del parco, ci abbiamo letto e visto tante dimensioni. Un dialogo tra le generazioni, il sostegno dalle famiglie, dalla comunità e da altre splendide realtà in divenire (NPL, M’Sounds..), la possibilità per l’istituzione di incontrare un target ben preciso di cittadini che ha dimostrato di poter portare valore e significati, oltre una festa-oltre un muro-oltre un palco ed anche, sicuramente, l’importanza di un soggetto come APPM in grado di farsi ponte e strada di potenzialità ed idee. In tutto questo percorso che prosegue da diversi mesi abbiamo cercato di metterci in ascolto e questa è stata un’esperienza formativa anche per noi. Uno speciale ringraziamento quindi agli educatori di APPM, Adriano-Elisa-Elena, compagni di viaggio e di speranza ed a Beatrice, che con competenza e freschezza ha seguito tutta la parte artistica del progetto.

La voglia di partecipare esiste e ne abbiamo scoperto un frangente preziosissimo, inedito e creativo.

La creatività è stata proprio una chiave importante in questa fase. Una creatività autentica, intimamente semplice eppure così generativa, educata, messa a disposizione del bene comune, per creare un momento di socialità e sistemare la maltrattata facciata inferiore di un edificio frequentato da tanti.

Ai protagonisti dell’evento, quindi, in particolare Viviana-Valentina-Federico-Annalisa-Thomas-Valentina-Nadia, i migliori complimenti ed un grandissimo GRAZIE! L’auspicio è che possa essere solo il felice inizio di un nuovo modo di sentire e vivere la nostra Calceranica al Lago.

Che la fiducia, l’entusiasmo e la passione possano essere uno dei risultati di questo primo grande successo a testimonianza ed ispirazione di tutti .. “perché le idee sono come le stelle che non le spengono i temporali”.

 

Puliamo il Mondo – Edizione 2018

Anche Calceranica al Lago aderisce alla 26esima edizione di Puliamo il Mondo promossa da LEGAMBIENTE.
Quest’anno la campagna sarà dedicata al tema dell’abbattimento delle barriere e dei pregiudizi, in un’iniziativa che intende tenere insieme chi vuole salvare l’ambiente, le città e le periferie dai rifiuti e dal degrado e chi cerca di ricostruire ogni giorno relazioni di comunità e dialogo.

Un pomeriggio di cittadinanza attiva, con dei piccoli gesti di impegno civile, insieme agli attentissimi alunni ed insegnanti della Scuola Primaria di Calceranica al Lago.

L’appuntamento è per venerdì 28 settembre, alle ore 13:30 in Piazza Municipio.

Vi aspettiamo numerosi !

Un mondo migliore passa da un impegno collettivo!

base_banner_SITO_PIM_copy

 

PINDARICAMENTE…

Grande attesa per l’evento del 10 agosto che vedrà esibirsi Andrea Lelli e la sua Pindaricaband !

In una spiaggia che comincia a mostrarsi nel miglior vestito di sempre, ospiteremo il concerto di artisti locali che altrove hanno già raccolto grandi successi.

E’ quindi un privilegio per tutti noi riportare a casa questi importanti talenti, per una sera, in una location altamente suggestiva e romanticamente intrisa di significati e pezzi di vita e di estate che narrano tante, tantissime storie…

In collaborazione con APT Valsugana Lagorai, il nostro Comune promuove quindi uno spettacolo musicale, e non solo, presso la Spiaggia Pescatori .

Ma veniamo ai dettagli.

Il Tour ufficiale di Andrea Lelli con l’album PINDARICAMENTE pubblicato a maggio del 2016 si è concluso ad ottobre dello stesso anno a Eataly Smeraldo di Milano.  Da questo lavoro, con il brano “NOI DUE” lo scorso 12 maggio a Roma vince la 6a Edizione del Concorso Nazionale “PREMIO LUCIO DALLA”.

Milano è la città che ha dato i Natali ad Andrea Lelli, ma certo è che il Trentino l’ha adottato, ed è proprio qui che è cresciuto artisticamente. In particolar modo negli ultimi due anni si sono intensificate le esperienze a livello nazionale e le collaborazioni in live importanti tra cui la “NOTTE DELLE CHITARRE” con le “Custodie Cautelari” e i più grandi chitarristi italiani, e “IL NOSTRO CARO ANGELO” con Mogol!

Con la manifestazione in riva allo splendido Lago di Caldonazzo, oltre a suggellare un ciclo artistico di importanti esperienze e collaborazioni, Andrea Lelli presenterà in anteprima il nuovo singolo, la cui uscita è prevista a settembre: “La vita sai com’è”. Questo brano anticipa l’ultimo lavoro con l’etichetta SanLucaSound di Bologna (Manuel Auteri, Renato Droghetti), il cui video riprenderà proprio il live del 10 agosto. Al solito a cura di Emy Guerrisi e Max Lo Buono che saranno anche ospiti sul palco nei cori.

Le sorprese non finiscono qui. Infatti super ospite della serata sarà Supermario (Mario Cagol), con il quale Andrea Lelli negli anni ha collaborato in numerosi spettacoli teatrali e non solo. Una generosa presenza che va ad impreziosire ulteriormente lo show e la serata.

Non solo musica quindi!

Sarà un viaggio attraverso il Pop e alle forme diverse che negli anni e nei luoghi questo può assumere, dando spazio all’interpretazione della Band (Mirko Gubert, Walter Fortarel, Chris Nicolini, Nicola Salvadori); cover italiane ed internazionali si mescoleranno ai brani di Andrea ispirati essi stessi dalle melodie e i suoni del genere, nonché le evoluzioni che questi hanno incontrato. Il tutto condito da un paio di sketch comici a tema…perché come sottolinea Andrea Lelli “Non prendersi troppo sul serio fa vivere meglio!!!”

Vi aspettiamo quindi, numerosi, curiosi e pronti per una splendida serata!

Concerto-10-ago-01

 

 

Giovani, nuova linfa alla Comunità

E’ con immensa gioia che condividiamo le parole di Federico Ferrari, Arianna  Fontanari ed i giovani del neonato gruppo, che annunciano il ritorno in acqua del mitico Dragone .
Con l’occasione ricordiamo che nel corso della Festa di Mezza Estate, promossa la scorsa settimana dal Corpo dei VVF, i ragazzi  hanno curato tutta la parte musicale, in collaborazione con Movin’Sounds e APPM Onlus.
A tutti loro, i migliori auguri di esperienze e soddisfazioni, che possano essere le più significative di sempre!
IL DRAGO DEL CALCEDONIA TORNA IN ACQUA
un’iniziativa di giovani e tra giovani apre nuove prospettive alla squadra di Dragon Boat di Calceranica al Lago
Il riflesso del sole sul lago, l’acqua fresca tra le mani e l’incessante battito del tamburo: uno sport tipico del nostro territorio, il Dragon Boat, che si pratica sin dal 1994 sui laghi del Trentino. Per primo quello di Caldonazzo, che ha visto crescere numerosissime squadre nel corso dell’ultimo ventennio. Paniza Pirat, Pergine Tchen Tchen, Borgo e Dragon Tenna sono alcuni dei nomi più famosi, ma tra di loro un posto in prima linea lo ha occupato fino al 2014  il Calcedonia, il team di Calceranica al Lago, che, pur avendo continuato a competere nella categoria Baby fino alla stagione 2016, ha dovuto chiudere i battenti nel 2017 per carenza di iscrizioni anche tra i piccoli.
Ma cos’è cambiato quest’anno? L’iniziativa di ricostruire la squadra è partita dal nuovo gruppo giovani del paese, che, in collaborazione col CAG Alta Valsugana, ha pubblicizzato l’idea, supportata dal Direttivo dell’Associazione e dall’Amministrazione Comunale.
Martedì scorso il “drago” del Calcedonia è tornato in acqua: a bordo un equipaggio molto eterogeneo: ragazze e ragazzi dai 9 ai 20 anni (ancora da separare in squadra “baby” e squadra “open”), alcuni più esperti e numerosi neofiti. Grazie all’allenatore Nicola Gremes i ragazzi nuovi hanno imparato i rudimenti di questo sport: le prime pagaiate non sono state facili, ma alla fine proprio Nicola non ha risparmiato i complimenti e la soddisfazione di rivedere l’equipaggio di nuovo “all’attacco”.
Nonostante le buone prospettive però c’è ancora molto da fare: organizzare un team di 22 persone diventa sempre più difficile e il problema della carenza di iscrizioni non tocca solo il Calcedonia.
Ogni anno almeno una squadra è costretta a rinunciare alle gare e per questo vi invitiamo a mettervi in gioco entrando a far parte di una delle tante associazioni di Dragon Boat sparse sul nostro territorio: non si tratta solo di sudore e attività fisica ma soprattutto di tenere in vita un senso di comunità un tempo ampiamente diffuso nei piccoli paesi trentini.
Per info: calcedoniadrago@gmail.com
Foto da Ci(3)

Bilancio del Bene Comune . Si parte!

Si è svolto mercoledì 30 maggio il primo incontro informativo sul progetto di Bilancio del Bene Comune, con Bernhard Oberrauch, Presidente della Federazione per l’Economia del Bene Comune in Italia, consulente ed auditor EBC, membro del tavolo internazionale degli Enti locali EBC, competente per il sistema Audit in Italia.

A quanto pare, siamo uno dei primi Comuni di lingua italiana ad intraprendere questo tipo di percorso, posto che esperienze di Bilancio EBC sono diffuse in Europa perlopiù nell’area tedesca, nonché, in Italia in alcuni Comuni della Val Venosta.

Cosa ci spinge verso questo investimento?

Lo viviamo innanzitutto come un’iniziativa di educazione e consapevolezza a beneficio del sistema, della Comunità e delle generazioni future. Si tratta infatti di un’analisi delle dinamiche in corso tra il Comune e tutti i soggetti e contesti intorno ad esso. Come agisce e reagisce il Comune rispetto a finanziatori, fornitori, personale, cittadini, tessuti economico e sociale? Come sta l’Ente Locale in base a: dignità dell’essere umano, solidarietà, eco-sostenibilità, equità sociale, co-gestione democratica e trasparenza?

L’obiettivo è quello di alzare gli standard sociali dello Spazio Comune, valorizzando i processi anche relazionali dell’Amministrazione. Buone pratiche, attenzione all’efficacia della partecipazione, miglioramento e consapevolezza sui singoli passaggi operativi come tasselli di un potenziale percorso di apprendimento continuo che possa essere in grado di coinvolgere il maggior numero di soggetti.

Non si tratta solo di filosofia, ma è un impegno ad istituzionalizzare solidarietà e responsabilità in una logica orizzontale e diffusa. E’ un tentativo di mettere a sistema le condizioni per investire in un futuro migliore per tutti. La nostra Amministrazione si è già peraltro mostrata vicina ed impegnata in altri progetti innovativi che mirano ad accorciare le filiere ed a dar senso alla prossimità in termini concreti (si pensi al progetto di Ospitalità Diffusa). Anche in questo caso quindi, non solo un’operazione culturale, ma una declinazione operativa capace di generare valore oltre il qui ed ora.

Come è emerso anche dal dibattito di mercoledì, il Bilancio EBC non è certificazione di prodotto o risultato ma piuttosto di processo. Ciò non di meno possiamo fare alcuni esempi concreti:

  • in questo preciso momento istituzionale, ci troviamo ad affrontare la Gestione associata dei servizi. Non è certo impresa facile per nessuno, né per il personale né per le amministrazioni. Su questo si possono misurare i livelli di cooperazione del comune con i vicini e di qui come poterli migliorare, massimizzando il beneficio per il lavoro di tutti;
  • la partecipazione dei cittadini può essere intesa anche come attenzione per il territorio che si esprime spesso con delle preziose segnalazioni. In questo senso, come possiamo massimizzare l’utilità delle osservazioni e mettere a sistema una modalità efficace di risposta in modo snello e rapido?
  • a livello di trasparenza e comunicazione, oltre alla regolamentazione normativa, si condividono a sufficienza dati e processi in corso? come si può facilitare maggiormente l’accesso alle informazioni?
  • come sta la partecipazione della comunità in generale? Che possibilità mette in campo l’Amministrazione, affinché i cittadini si possano sentire coinvolti attivamente?
  • a quali criteri risponde il sistema di fornitura e finanziamento? Come migliorarne la gestione in senso etico?
  • che tipo di gestione c’è dei beni comuni (aiuole, edifici, fioriere .. spazi). Come attivarne la cura e l’interesse da parte dei cittadini?

L’impronta della proposta è esattamente in linea a quanto ci siamo proposti fin dall’inizio della nostra avventura amministrativa. Nel pieno di questa esperienza, la riflessione intorno alla complessità della sfida è maturata passo a passo con gli esiti delle varie azioni intraprese, in parallelo al lavoro quotidiano e nel confronto con una visione che ci sentiamo in dovere di portare a termine. Verificarsi con dei parametri nell’ottica del miglioramento consente al sistema nel suo complesso di prendere le misure con l’operatività quotidiana nell’immediato e, al tempo stesso, con degli orizzonti di senso etico nel lungo termine. Descriversi nei punti di forza e debolezza con oggettività è in questo momento una grande opportunità. Per sua natura la Comunità non può che essere sostenibile ed educante. Supportarne il potenziale in modo esplicito e consapevole è funzionale al benessere di tutti.

Se volete far parte del gruppo di lavoro scrivete a tartarotti.cinzia@gmail.com

Vi aspettiamo a portare il vostro contributo e tutti i colori che desiderate, affinché la nostra non sia una delega in bianco, ma ricca di Calceranica Viva!

https://vivicalceranica.wordpress.com/2018/05/23/bilancio-del-bene-comune-una-nuova-prospettiva/

http://www.economia-del-bene-comune.it/it

Alleghiamo una delle tabelle mostrate anche nel corso della serata