Bilancio del Bene Comune . Si parte!

Si è svolto mercoledì 30 maggio il primo incontro informativo sul progetto di Bilancio del Bene Comune, con Bernhard Oberrauch, Presidente della Federazione per l’Economia del Bene Comune in Italia, consulente ed auditor EBC, membro del tavolo internazionale degli Enti locali EBC, competente per il sistema Audit in Italia.

A quanto pare, siamo uno dei primi Comuni di lingua italiana ad intraprendere questo tipo di percorso, posto che esperienze di Bilancio EBC sono diffuse in Europa perlopiù nell’area tedesca, nonché, in Italia in alcuni Comuni della Val Venosta.

Cosa ci spinge verso questo investimento?

Lo viviamo innanzitutto come un’iniziativa di educazione e consapevolezza a beneficio del sistema, della Comunità e delle generazioni future. Si tratta infatti di un’analisi delle dinamiche in corso tra il Comune e tutti i soggetti e contesti intorno ad esso. Come agisce e reagisce il Comune rispetto a finanziatori, fornitori, personale, cittadini, tessuti economico e sociale? Come sta l’Ente Locale in base a: dignità dell’essere umano, solidarietà, eco-sostenibilità, equità sociale, co-gestione democratica e trasparenza?

L’obiettivo è quello di alzare gli standard sociali dello Spazio Comune, valorizzando i processi anche relazionali dell’Amministrazione. Buone pratiche, attenzione all’efficacia della partecipazione, miglioramento e consapevolezza sui singoli passaggi operativi come tasselli di un potenziale percorso di apprendimento continuo che possa essere in grado di coinvolgere il maggior numero di soggetti.

Non si tratta solo di filosofia, ma è un impegno ad istituzionalizzare solidarietà e responsabilità in una logica orizzontale e diffusa. E’ un tentativo di mettere a sistema le condizioni per investire in un futuro migliore per tutti. La nostra Amministrazione si è già peraltro mostrata vicina ed impegnata in altri progetti innovativi che mirano ad accorciare le filiere ed a dar senso alla prossimità in termini concreti (si pensi al progetto di Ospitalità Diffusa). Anche in questo caso quindi, non solo un’operazione culturale, ma una declinazione operativa capace di generare valore oltre il qui ed ora.

Come è emerso anche dal dibattito di mercoledì, il Bilancio EBC non è certificazione di prodotto o risultato ma piuttosto di processo. Ciò non di meno possiamo fare alcuni esempi concreti:

  • in questo preciso momento istituzionale, ci troviamo ad affrontare la Gestione associata dei servizi. Non è certo impresa facile per nessuno, né per il personale né per le amministrazioni. Su questo si possono misurare i livelli di cooperazione del comune con i vicini e di qui come poterli migliorare, massimizzando il beneficio per il lavoro di tutti;
  • la partecipazione dei cittadini può essere intesa anche come attenzione per il territorio che si esprime spesso con delle preziose segnalazioni. In questo senso, come possiamo massimizzare l’utilità delle osservazioni e mettere a sistema una modalità efficace di risposta in modo snello e rapido?
  • a livello di trasparenza e comunicazione, oltre alla regolamentazione normativa, si condividono a sufficienza dati e processi in corso? come si può facilitare maggiormente l’accesso alle informazioni?
  • come sta la partecipazione della comunità in generale? Che possibilità mette in campo l’Amministrazione, affinché i cittadini si possano sentire coinvolti attivamente?
  • a quali criteri risponde il sistema di fornitura e finanziamento? Come migliorarne la gestione in senso etico?
  • che tipo di gestione c’è dei beni comuni (aiuole, edifici, fioriere .. spazi). Come attivarne la cura e l’interesse da parte dei cittadini?

L’impronta della proposta è esattamente in linea a quanto ci siamo proposti fin dall’inizio della nostra avventura amministrativa. Nel pieno di questa esperienza, la riflessione intorno alla complessità della sfida è maturata passo a passo con gli esiti delle varie azioni intraprese, in parallelo al lavoro quotidiano e nel confronto con una visione che ci sentiamo in dovere di portare a termine. Verificarsi con dei parametri nell’ottica del miglioramento consente al sistema nel suo complesso di prendere le misure con l’operatività quotidiana nell’immediato e, al tempo stesso, con degli orizzonti di senso etico nel lungo termine. Descriversi nei punti di forza e debolezza con oggettività è in questo momento una grande opportunità. Per sua natura la Comunità non può che essere sostenibile ed educante. Supportarne il potenziale in modo esplicito e consapevole è funzionale al benessere di tutti.

Se volete far parte del gruppo di lavoro scrivete a tartarotti.cinzia@gmail.com

Vi aspettiamo a portare il vostro contributo e tutti i colori che desiderate, affinché la nostra non sia una delega in bianco, ma ricca di Calceranica Viva!

https://vivicalceranica.wordpress.com/2018/05/23/bilancio-del-bene-comune-una-nuova-prospettiva/

http://www.economia-del-bene-comune.it/it

Alleghiamo una delle tabelle mostrate anche nel corso della serata

 

 

 

 

 

Annunci

Bilancio del Bene Comune, una nuova prospettiva

Mercoledì 30 maggio 2018 presso il Teatro S. Ermete presenteremo il progetto di Bilancio del Bene Comune.

A guidarci nell’esplorazione di questo strumento innovativo, Bernhard Oberrauch, Presidente della Federazione per l’Economia del Bene Comune in Italia, consulente ed auditor EBC, membro del tavolo internazionale degli Enti locali EBC, competente per il sistema Audit in Italia.

Il Bilancio del Bene Comune è un’analisi della situazione reale dell’operato del Comune nelle dinamiche e relazioni con tutti i portatori di interesse, dai cittadini al personale, dai fornitori ai finanziatori, dal tessuto economico al contesto sociale nel suo complesso. Il monitoraggio dell’azione amministrativa avviene attraverso delle specifiche chiavi di lettura e standard: dignità dell’essere umano, solidarietà, eco-sostenibilità, equità sociale, co-gestione democratica e trasparenza.

Si tratta di una prima lettura che è punto di partenza verso il miglioramento della sofisticata e preziosa macchina comunale e nella connessione dell’Istituzione con la Comunità tutta. E’ un’occasione di pregio per stare con la massima consapevolezza in un processo di apprendimento continuo, in piena condivisione con le vicine Amministrazioni di Caldonazzo e Tenna, co-protagoniste della riflessione in corso,

Nell’ideale di prossimità, crediamo che uno strumento di questo tipo possa darci la misura dei punti di forza e di debolezza del fare quotidiano e senz’altro ci invita a tenere alta l’attenzione sull’impatto dell’azione amministrativa, anche nella creazione di valore sociale.

L’auspicio è che in questo percorso sentiate di partecipare tutti Voi.

Venite, dite la Vostra, portate il Vostro punto di vista e ciò che vi sta a cuore, aiutateci a correggere il tiro, perché Calceranica e la sua storia siamo Tutti Noi, anche adesso. L’obiettivo, ancora una volta, è la cura di uno Spazio Comune inclusivo, competente, vivace, accogliente e, nondimeno, sostenibile anche per i cittadini di domani.

Vi aspettiamo!

Maggior informazioni sull’Economia del Bene Comune si trovano sul sito www.febc.eu

P.R.G. – Fate le vostre proposte

di Michela Passamani

Al fine di ricordare ancora una volta la possibilità di poter presentare proposte non vincolanti, ai fini meramente collaborativi alla stesura della Variante al Piano Regolatore Generale, riproponiamo una breve traccia della serata pubblica tenutasi a maggio presso il Teatro paesano, purtroppo con poche presenze ma molto partecipata e soddisfacente per Noi, i relatori intervenuti ed i cittadini presenti.

Tali proposte potranno essere presentate dal 29.06.2017 al 28.07.2017 compreso, per chi volesse si ricorda inoltre che è attivo uno sportello presso il Comune tutti i martedì dalle 17.30 alle 19.00 al fine di supportare chi ne avesse bisogno.

Per chi ritenesse utile, abbiamo preparato un modulo fac simile, da seguire quale traccia.

Si premette innanzitutto che l’attuale PRG è molto datato, potrebbe essere il più vecchio della Comunità di Valle, gli attuali vincoli sono decaduti e per tal motivo necessita di una revisione in particolare alla data odierna alla luce dell’entrata in vigore dal 07 giugno 2017 del nuovo Regolamento Urbanistico.

Gli obbiettivi di tale variante saranno a carattere generale, si recherà particolare cura al risparmio dei suoli, come dettato della legge provinciale si cercherà di favorire il recupero dell’esistente  stimolando ed incentivando le persone a tal fine.

Gli obbiettivi generali vedranno di migliorare la viabilità Lungolago e di creare un nuovo e doppio collegamento nella parte alta dell’abitato, si cercherà di individuare nuovi spazi da utilizzare a parcheggio a favore del centro storico, inoltre nell’ottica di gestione associata in collaborazione con i Comuni limitrofi, si cercherà di uniformare ove possibile le normative, al fine di  avere una visione omogenea dell’intero territorio.

L’incarico per la variante è stato affidato al Servizio Urbanistica della Comunità Alta Valsugana e Bersntol ed in particolare alla Dottoressa Ricchi Paola, indispensabile relatrice della serata pubblica organizzata del Comune.

L’intervento della stessa è iniziato spiegando ai presenti il percorso da seguire per la stesura del piano, scandito da tempi abbastanza precisi fissati dalla Legge provinciale.

Il  percorso odierno infatti è molto cambiato rispetto al 2000, dove i tempi per la pianificazione prevedevano percorsi più lunghi ed incerti.

Le domande formulale dal pubblico presente alla relatrice sono state molteplici, si è parlato della viabilità, delle aree a parcheggio, dell’incentivare il recupero dell’esistente salvaguardando le aree a verde, dell’articolo mancante alle vigenti norme riguardante le legnaie che sicuramente verranno introdotte, ecc…

 L’augurio dell’intera amministrazione è che pervengano molte proposte ed idee dalla cittadinanza, al fine di poter intervenire su un piano datato, adeguandolo innanzitutto alle norme provinciali ma migliorandolo e modificandolo a misura e servizio del cittadino.

Modulo osservazioni

Avviso

 

SERATA PUBBLICA – 23 maggio 2017

Un momento dedicato a tutta la cittadinanza, per fare il punto della situazione su alcune importanti questioni  come Gestioni Associate, IM.I.S. e P.R.G. .

L’incontro si svolgerà presso il Teatro S.Ermete martedì 23 maggio 2017 alle ore 20:30 ed interverranno il Sindaco Cristian Uez , l’Arch. Ricchi Paola del Servizio Urbanistica della Comunità di Valle Alta Valsugana Bersntol e la Geom. Bazzanella Caterina dell’Ufficio Tributi Sovracomunale.

Vi aspettiamo numerosi!

Passaggio di testimone in Giunta comunale

Ai primi di marzo, con dispiacere, ho rinunciato alla carica di assessore.

Le motivazioni sono personali. Per cause famigliari e per un nuovo lavoro, cominciato a settembre 2016 e diventato nel tempo più impegnativo di quanto inizialmente previsto, mi sono trovato sempre più impossibilitato a partecipare all’attività amministrativa, così da ultimo ho preferito fare un passo indietro e scegliere di continuare come consigliere.

Il mio posto verrà coperto da un’assessore esterno, geom. Michela Passamani, a cui va il mio augurio per un sereno e proficuo mandato.

Colgo ancora una volta l’occasione per ringraziare quanti mi hanno sostenuto, a loro soprattutto vanno le mie scuse per questa interruzione.

Alessandro Ferrari

 

————

Alessandro è rimasto a disposizione della Giunta comunale anche dopo le dimissioni, al fine di garantire lo svolgimento delle sue funzioni nel periodo che ha preceduto la formalizzazione dell’incarico a Michela Passamani. Michela, che entra in Giunta occupandosi di tematiche legate a territorio, urbanistica e lavori pubblici, è stata incaricata dal Sindaco in virtù della sua competenza ed esperienza nonché dell’ottima impressione che ci ha lasciato quando in passato ha lavorato come geometra presso il nostro Comune. A lei va il nostro benvenuto e l’augurio di buon lavoro, e ad Alessandro un sentito ringraziamento per l’impegno che ha sempre profuso anche nei periodi di difficoltà personale.

Calceranica Viva

Novità dal Consiglio Comunale: ALIQUOTE IMIS 2016

di Nicola Egenter

Sono state approvate all’unanimità, con delibera dell’ultimo Consiglio Comunale, le aliquote, detrazioni e deduzioni d’imposta per l’anno 2016 dell’Imposta immobiliare semplice (IMIS).

Come Amministrazione abbiamo ritenuto necessario contenere, per quanto possibile, la pressione fiscale a carico delle famiglie e delle imprese ; sono quindi state adottate le sotto riportate aliquote base dettate dalla legge provinciale n.21/2015 e dal Protocollo di intesa in materia di finanza locale 2016 siglato tra la Giunta provinciale ed il Consiglio delle Autonomie Locali.

TIPOLOGIA DI IMMOBILE

ALIQUOTA 2016

DETRAZIONE D’IMPOSTA

DEDUZIONE D’IMPONIBILE

Abitazioni principali, fattispecie assimilate e relative pertinenze

0,000 %

Abitazioni principali iscritte nelle categorie catastali A1, A8 e A9

0,350 %

270,63 €

Altri fabbricati ad uso abitativo e relative pertinenze

0,895 %

Fabbricati attribuiti alle categorie catastali A10, C1, C3 e D2

0,550 %

Fabbricati attribuiti alle categorie catastali D1, D3, D4, D6, D7, D8, D9

0,790 %

Altri fabbricati ad uso abitativo e relative pertinenze

0,895 %

Fabbricati strumentali all’attività agricola

0,100 %

1.500,00 €

Aree edificabili

0,895 %

Altri immobili non compresi nelle categorie precedenti

0,895 %

Riassumendo:

  • – Esenzione per abitazioni principali ad esclusione di quelle iscritte nelle categorie catastali A1, A8 e A9;

  • – Detrazione di 270,63 € per le abitazioni principali iscritte nelle categorie catastali A1, A8 e A9;

  • – Deduzione di 1.500,00 € sulla rendita catastale spettante ai fabbricati strumentali all’attività agricola.

Con tale imposta ci si attende, per l’anno 2016, un introito presunto nelle casse comunali di circa 445.000,00 €.

Il bilancio 2016 al vaglio della giunta comunale

di Luca Faes

Nella riunione dello scorso 17 febbraio la Giunta comunale ha discusso il bilancio di previsione 2016, il primo che la nuova amministrazione dovrà approvare nel corso del quinquennio 2015-2020. In un periodo storico particolarmente sfavorevole, nel quale i trasferimenti provinciali sono ridotti all’osso e per un comune non ricco di risorse come il nostro le entrate coprono a fatica le spese correnti, i sogni di realizzare interventi sostanziali hanno dovuto purtroppo lasciare il posto alla realtà dei numeri.

Nel caso del nostro comune, il portafoglio a disposizione per le spese di investimento ammonta a poco più di 100.000 euro, più della metà dei quali sono destinati a finanziare interventi inevitabili quali i lavori di adeguamento delle prescrizioni antincendio della palestra comunale, la quota parte del comune per i lavori di riqualificazione della sponda sud del lago, e la manutenzione straordinaria di strade, acquedotto, fognatura ed illuminazione. La somma rimanente, per quanto esigua, verrà destinata ad interventi che vanno nell’ottica di rendere più sicuro, vivibile ed attrattivo il nostro paese. L’investimento maggiore è la sistemazione di via Andanta, strada agricola che durante l’estate diventa arteria critica per il traffico da e verso le nostre spiagge. Si punterà poi a realizzare interventi di minore entità (poche migliaia di euro l’uno) ma ritenuti comunque significativi, quali l’acquisto di un terreno per la realizzazione del sentiero “cento scalini”, il completamento e manutenzione dei sentieri escursionistici intorno al paese, la manutenzione straordinaria di immobili comunali (ambulatorio, teatro), la progettazione del nuovo sportello turistico presso la spiaggia Pescatore, la realizzazione della Bau Beach, e la variante al Piano Regolatore.

Infine, un attento esame del bilancio ci ha consentito di ridurre alcune spese di parte corrente in modo da poter finanziare maggiori stanziamenti per la promozione turistica e la creazione di un fondo dal quale le Associazioni potranno attingere proponendo nuovi eventi e manifestazioni. Nel loro piccolo, anche gli amministratori hanno voluto fare la loro parte, rinunciando ad un mese di indennità ed azzerando i rimborsi spese per finanziare l’impiego di alcuni giovani durante i mesi estivi nell’ambito di progetti di orientamento al lavoro, l’organizzazione di un torneo di calcetto per non vedenti (Torball), e l’allestimento di un punto bebè presso l’ambulatorio.

In seguito all’approvazione da parte della giunta comunale, il bilancio di previsione 2016 verrà sottoposto al consiglio comunale e quindi ufficializzato.

bilancio